This album doesn't contain any items

    I professionisti del diritto

    Iusta Lex è il frutto dell’unione professionale fra avvocati, notai, tributaristi, che esercitano da oltre un decennio nelle rispettive aree di competenza ed intendono fornire alla loro clientela un servizio rapido, snello ed al passo con le nuove tecnologie e le modalità di comunicazione più avanzate. E’ così che Iusta Lex propone il contatto diretto con il Cliente, che potrà usufruire del parere e dell’assistenza del professionista, anche se non sarà in grado o non avrà il tempo di recarvisi personalmente.

    read more

    Le leggi non vegliano sulla verità delle opinioni ma sulla sicurezza e l'integrità di ciascuno e dello Stato

    Testimonial

    JOHN LOCKE

    News

    • La proroga del termine per chiedere l’indennità di disoccupazione è ammessa solo in casi eccezionali. Da ciò discende che «è irrilevante il mancato esercizio dovuto ad una situazione di mera difficoltà, non riconducibile al concetto normativo di “forza maggiore». 

    • Il consumo di sostanze stupefacenti, comprese le c.d. “droghe leggere”, ad opera di un lavoratore adibito a mansioni di conducente di autobus definite “a rischio” costituisce giusta causa di licenziamento poiché viola certamente il minimum etico della condotta del lavoratore, a prescindere dal mancato riferimento, nell’ambito del r.d. 148/1931, a tale condotta. Del resto, il mancato riferimento in questione non è significativo, avuto riguardo all’epoca di emanazione del testo normativo, contemplando l’unico modo allora in uso, di alterazione della psiche, integrato dallo stato di ubriachezza.

    • Scenario dell’episodio la scuola materna gestita da una cooperativa. Lo scontro si è verificato dinanzi ai piccoli alunni. Nonostante tutto, però, i Giudici ribadiscono il diritto della dipendente a conservare il proprio posto di lavoro.

    • Tra i diritti indisponibili debbono ricomprendersi quelli di natura retributiva, anche accessoria, purché non si tratti di emolumenti derivanti da una pattuizione individuale del lavoratore, pertanto la presunta rinuncia alla CIG può avere efficacia legale solo se formalizzata nelle sedi conciliative previste ex lege.